Simona De Nittis

Danza Classica - Ballet

Nata a Roma, diplomata in lingue, inizia la sua attività di danzatrice presso il CID e il Renato Greco Dance Studio dove vince la borsa di studio per avviamento professionale in danza classica, repertorio, sperimentazione coreografica, carattere, danza jazz, danza contemporanea (perfezionandosi nelle tecniche Horton, Limon, Mattox) canto, trucco. 

 

A 18 si trasferisce in Francia e studia a Parigi, Cannes e Biarritz sotto la direzione di maestri dell’Alvin Ailey. Vince il premio “migliore interpretazione” al Concorso di Genzano, il premio per la” migliore coreografia” al Concorso città di Fano, ed è finalista al Concorso città di Rieti. A 19 anni entra nel corpo di ballo del Balletto di Renato Greco danzando “Malgré tout”- “Donna Laura di Carini”- “Etruria”- “Dietro le quinte”; come solista in “Live italy” - “Ciak, si danza”- “Talk about a child” e come prima ballerina in “Vita bohémienne”, e lavora ad Alessandria d’Egitto, Cairo, Rabat, Casablanca. Ha una breve esperienza nel cinema, danzando nel film diretto da Giuseppe Tornatore “La leggenda del pianista sull’oceano” e nella pubblicità, con la partecipazione ad uno spot e posando per un calendario di maglieria. Nel 1998 si avvicina al musical studiando recitazione e dizione con Fioretta Mari, e doppiaggio con Nicola Marcucci e Solvejg D’Assunta. Viene così notata dalla Compagnia della Rancia che le offre il ruolo di Alice in “Sette spose per sette fratelli”, di Chris in “Dance!” e la parte danzata che fu di Cyd Charisse in “Cantando sotto la pioggia”, regie di Saverio Marconi. Prosegue la sua esperienza nel musical con Claudio Insegno in “Rodolfo Valentino” e in “kiss me, Kate”. In entrambi i lavori le viene affidato anche il ruolo di capoballetto. Inizia un lungo sodalizio con il maestro Raffaele Paganini e il coreografo Luigi Martelletta, grazie ai quali, con il Balletto di Roma prima e la Compagnia Nazionale di Raffaele Paganini poi, danza in “Carmen” nel 2001 e in “Da Carmen a Bolero” nel 2006, entrambi nel ruolo di Michela, prosegue come solista in “Momenti di tango”- “Tanghi e sirtaki”, e nel ruolo di Svanilda in “Coppelia” accanto allo stesso Raffaele Paganini, nella quale compagnia ha anche una breve esperienza come maitre de ballet.